Ago 28

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: Macche` scontro tra civilta`, la guerra e` un business per tutti!

È tutta questione di… soldi.

Nella storia di questo nostro strano mondo la guerra è stata, e continua ad essere, economicamente rilevante. In altri termini, coloro che fabbricano armi, coloro che le vendono, coloro che le usano e i mercenari che le pubblicizzano fanno i soldi, molti soldi, senza fermarsi mai e mai sazi di profitto.

Prima di parlare di qualsiasi conflitto interreligioso, dovremmo avere il coraggio di dire che tutto quello che sta accadendo giova in qualche modo a tutti: cristiani, musulmani, ebrei e, in altre regioni del mondo, induisti, buddisti, taoisti, confuciani (basti ricordare la politica della Grande Cina nei riguardi del Tibet).

Leggi tutto qui

Ago 25

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: Nascera` Down? E` meglio abortire

È tutta questione di…umanità.

“Avere un bambino down è immorale”. Direi che siamo di fronte ad una meravigliosa espressione scientifica. Non possiamo attenderci qualcosa di meglio da Richard Dawkins.

Io non sono nessuno e questo è vero. Ebbene, spero di rimanere nessuno, perché se essere uno scienziato di fama mondiale significa parlare in questi termini, e per di più in 140 caratteri, preferisco rimanere un povero stabile precario di questa esistenza, ancorché misero ricercatore.

Leggi tutto qui

Ago 21

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: Basta con la fandonia dei mostri a orologeria!

È tutta questione di… malvagità.

43 anni, maschio italiano: il macchinista che ha accoltellato la figlia di soli 18 mesi, mentre la moglie è al mare con l’altro figlio. Lui le telefona dicendo che “ha fatto un casino”. La tragedia è accaduta vicino ad Ancona, a Collemarino.

Ed ora si dirà, ancora una volta, che si tratta di un mostro. Normale fino a ieri, prima di diventare mostruoso, come se tutti gli esseri umani potessero essere quello che appaiono e diventare improvvisamente qualcos’altro il giorno dopo. Eppure una certa psichiatria, attraverso i suoi eminenti esponenti, continua ad affermare che si tratta di accessi di violenza improvvisi e non prevedibili, di cui non sappiamo praticamente nulla.

Ora vi chiedo: ma perché questi atti di aggressione così violenti e devastanti non sono rivolti a persone che potrebbero eventualmente difendersi?

Leggi tutto qui

Ago 18

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: L`Italia ridotta (quasi) una latrina, ci siamo mai chiesti il perche` ?

E’ tutta questione di… schifezza.

Da qualche giorno spopola su Twitter un hashtag interessante, promosso dal quotidiano on-line Affari Italiani, dal contenuto eloquente: #milanolatrina.

Andate a visionare il video nel sito del quotidiano per rendervi conto di come si vive a Milano, quella dell’Expò 2015. Ma non mi riferisco alle tangenti, alla corruzione e alla collusione, comportamenti verso i quali il popolo italiano non prova quasi nessuna reazione concreta (altrimenti, le cose sarebbero cambiate dall’inizio della seconda repubblica…), ma alla Milano lercia e visibilmente sporca, esattamente come molte altre città italiane. E non si tratta di un lerciume solo di origine extracomunitaria, ma di azioni laide frutto della continua mancanza di educazione civica, materia esclusa dalle scuole.

Io propongo un nuovo hashtag: #italiaquasilercia

Leggi tutto qui

Ago 14

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: La smettiamo di piagnucolare per un attore morto?

È tutta questione di… verità.

Droga, alcool, cinque figli da tre mogli, grande villa sulla baia di San Francisco, un ranch (da vendere per tirare avanti e pagare le bollette…) del valore di circa 35.000.000 di dollari: Questa era la situazione del nostro amato, amatissimo attore!

Ma vogliamo scherzare o facciamo sul serio?

È possibile che il mondo rimanga allibito per il suicidio di un individuo che vive nell’alterazione dello stato di coscienza quasi quotidiano, nel ricordo del proprio passato di successo, ma sprofondato nell’alcool, nella droga, nell’insoddisfazione sentimentale e nel fallimento di un’intera vita? Abbiamo anche visto alla televisione qualche suo collega, come Maryl Streep, Antonio Banderas, Arnold Schwarzenegger ed altri, che partecipando ad una festa felici e sorridenti, dichiarano che sono sconvolti per il loro collega… ma ci rendiamo conto o no di cosa significa tutto questo?

Leggi tutto qui

Ago 11

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: E se riaprissimo le case chiuse?

È tutta questione di… ipocrisia.

Sono circa 300 le ragazze nere che, ogni anno, entrano in Italia credendo di costruirsi un futuro e finiscono come prostitute in mezzo alle strade della nazione. Circa 1500 delle 15.000 nigeriane sfruttate sono minorenni. Sono questi i dati che si apprendono da una inchiesta apparsa su Repubblica.

Non voglio qui parlare di falsità mentali, come l’idea che si possa combattere la prostituzione negando ai clienti di praticarla, oppure fare il moralista e credere in soluzioni improbabili, come quella proposta dalla labourista inglese Mary Honeyball. In questa risoluzione europea non vincolante si invitano i Paesi dell’Unione ad adottare il modello svedese nel quale si colpiscono legalmente tutti i clienti, anche quando la donna, oppure il prostituto, è consenziente.

Leggi tutto qui

Ago 06

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: Si`, e` stato giusto (scientificamente) espellere l’Imam

È tutta questione di… ospitalità.

Il Middle East Media Research Institute, vicino alla causa israeliana, con il proprio Head Quarter a Washington, ha pubblicato un video nel quale l’Imam della Moschea di San Donà del Piave invoca: “Oh! Allah porta su di loro ciò che ci renderà felici. Oh! Allah, contali uno ad uno e uccidili fino all’ultimo. Non risparmiare uno solo di loro. Fai diventare il loro cibo veleno, trasforma in fiamme l’aria che respirano. Rendi i loro sonni inquieti e i loro giorni tetri. Inietta il terrore nei loro cuori”.

Il filmato è in arabo e sottotitolato in inglese, con la traduzione confermata da esperti arabi.

Leggi tutto qui

Ago 04

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: Siamo sicuri che due morti siano meglio di una?

È tutta questione di… civiltà.

Sono molte le azioni macabre che la nostra umanità, tanto occidentale quanto orientale, mette in atto con costanza e continuità criminali.

La nostra società, quella stessa società che osiamo persino definire civile, facendoci scudo di una Rivoluzione Francese che ha creato nuovi ed illuminati mostri in sostituzione dei precedenti meno illuminati, produce, nei civilissimi Stati Uniti, e precisamente nello stato dell’Arizona, a Tucson, l’esecuzione di questa soluzione: 15 tentativi, consecutivi, con diversi dosaggi di sedativo e veleno, per uccidere un uomo colpevole di efferati delitti.

Leggi tutto qui

Lug 31

Su il Giornale.it il mio nuovo articolo: Una Chiesa per tutti…

logoblogilgiornaleÈ tutta questione di… volontà.

Ho avuto occasione, grazie alla mia appartenenza ad un gruppo di studio, il Think Tank Il Nodo di Gordio (www.nododigordio.org), di affrontare il tema  del dialogo interreligioso, e ho potuto rendermi conto, grazie al confronto, di quanto questa necessità sia profondamente sentita dalla maggioranza delle persone.

Il fatto che alcuni esponenti politici delle tre culture monoteiste (cristiana, mussulmana ed ebrea), siano a volte sordi a queste istanze comuni, significa solo che le diverse rappresentanze non sono in realtà nelle condizioni di rappresentare alcunché, se non la loro stessa, ma isolata opinione.

Leggi tutto qui

Lug 30

Almanacco della Scienza CNR: Le metamorfosi globali viste dal Trentino

sull-almanacco-della-scienzaUn’analisi dei cambiamenti in atto a livello globale per delineare i possibili scenari geopolitici futuri è stata affrontata dal think tank ‘Il nodo di Gordio’ e dal centro studi ‘Vox Populi’, nel corso dell’XI edizione del workshop annuale ‘Metamorfosi del globo, mutazioni e rivoluzioni della geopolitica’, che si è tenuto a Montagnaga di Pinè (Tn).

Esperti del settore, dall’ideologo russo Alexandr Dugin all’ambasciatore ed ex ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi di Sant’Agata, dall’ex ministro Gian Guido Folloni all’ambasciatore Giulio Prigioni e hanno concordato tutti sull’importanza di affrontare le metamorfosi in atto con un’adeguata preparazione che consenta non solo di capire il corso degli avvenimenti ma anche di anticiparli.

 

Leggi tutto qui

Post precedenti «